sabato 28 marzo 2015

#repost Vogue Le tendenze moda della Primavera/Estate 2015

Buongiorno ragazze/i oggi ho deciso di fare un repost dell'articolo di vogue se qualcuno di voi non l'avesse visto, E' davvero molto interessante !

New York, Londra, Milano e Parigi, le capitali del fashion system, hanno eletto le tendenze moda della prossima Primavera/Estate 2015. Protagonisti assoluti gli anni 70, i colori miscelati in cocktail di pattern a volte geometri e rigorosi, in altri astratti e creativi. Sapore dell'Occidente come dell'Oriente. Siamo andati ad analizzare per voi quali saranno i dettagli a cui non rinunciare, gli accessori must have, i colori da indossare: una mappatura indispensabile tra le collezioni Primavera/Estate 2015 per il cambio di stagione.



Ci sono i colori stridenti, le allucinazioni e la sperimentazione. Fotografie rubate a Woodstock o reportage americani sulla giovane società americana: teenager hippie che vestono tie-dye, denim usato e top mini o, ispirati alla prima disco inferno, si concedono pattern geometrici e psichedelici, ispirati alla tappezzeria. È la moda anni 70 che conquista le passerelle internazionali: abbiamo i caftani di Anna Sui, i pataloni a zampa di elefanti Frame Denim (e declinati in salopette per Mih Jeans), ma anche i dettagli come la pelliccia colorata folk di Tommy Hilfiger o le frange lunghe (lunghissime) si Brian Atwood. Una versione posh per Gucci ed Emilio Pucci che optano per una porosa texture suede, bandoliere e foulard annodati al collo.






Dal jeans chiaro, usato, strapazzato dei Seventies a quello moderno e urbano color blue denim. Una divisa metropolitana ispirata alle tute da meccanico o da operaio dei primi 900, ricongiungendosi così alle origini del denim stesso. Stella McCartney, Tod's, Chloè propongono total look over sized che garantiscono libertà nei movimenti. Per chi invece non vuole rinunciare a silhouette strizzate, Fendi e Burberry London optano per giacche tagliate su misura che segnano il punto vita.


Ancora tema divisa, ma nei dettagli: tasche applicate avvolgono e donano volume 3D a capi dal taglio geometrico. Le troviamo nelle giacche militari di Rodarte e sull'abito rigoroso di Sacai, ma anche nei look ispirazione safari di Michael Kors e Marc Jacobs.


Passiamo ora alle fantasie: bouquet di fiori colorati, neon e proposti in chiave pop. Girlie in tutte le sue sfumature di rosa per Victoria Beckham, Marc Jacobs e Giambattista Valli; papaveri, rose e garofani rossi si arrampicano con le loro texture macro in Dolce & Gabbana, Simone Rochas, o in versione acquarello in Chanel. Geometrie definite per i giardini botanici suggeriti da Erdem, Thakoon e Etro. Quel che non può mancare sono le versioni allucinate, flou, stridenti di pattern floreali al limite del reale, tratti dai racconti di Lewis Carroll: House of Holland, Paul Andrew e Marni. Sono le luci Led dell’Oriente che illuminano i giardini giapponesi.


Grande ritorno per i pois, spesso riproposti nella triade bianco-blu-rosso, in voga già negli anni 30. Non è un caso che Minnie Mouse nasce in quel periodo indossando una gonnellina di quel pattern. Per l'estate del 2015, il polka dot lo troveremo nella versione neo dark in Saint Laurent, chic in total look black and white - Genny e Dolce & Gabbana – o a ricoprire accessori come la clutch di Finds e in dettagli bon ton, come per la camicia di seta rosa a pois blue di Valentino.


Se fino ad ora abbiamo parlato di fantasie caleidoscopiche o artistiche, in altre passerelle abbiamo look e dettagli ricoperti da una skin di camoscio (ancora citazione folk e anni 70) o  di lucida pelle, a tratti vinilica:  si tinge di colori caldi, l’arancio e il rosso di Proenza Schouler; il cuoio di Prada e Jil Sander; le nuance baby, il rosa confetto di Bottega Veneta, quelle più decise di Moschino o il grigio perla di Anya Hindmarch. Per le amanti del black Givenchy ripropone il pantalone di pelle nera e Christian Dior il soprabito ampio.


Passando ai colori moda della Primavera/Estate 2015, la palette si alterna e trova il suo equilibrio: i colori si concedano alle fantasie, mentre le sfumature eteree e celesti per look total color. Abbiamo l’azzurro cielo, quello del mare cristallino che virano sino al verde acqua marina. Elegante nella sua freschezza lo troviamo nel completo minimale di Andrea Incontri e Bottega Veneta, ma anche nell’abito lungo da vestale di Sophia Kokosalaki. Anche gli accessori si tingono, come la borsa Falabella di Stella McCartney e gli occhiali di Finds.


Entra nella cartella colori, nominato da Pantone, il color Marsala: declinazione scura, ambrata ma anche più morbida del bordeaux. Lo potete riconoscere proprio grazie al suo nome: è la sfumatura che un sorso di questo amato vino liquoroso assume quando si osserva in trasparenza il bicchiere verso il sole. Diverse le sue sfumature come vino e così anche in sfilata: delicato per Derek Lam, più vicino al ciliegia per Sophie Hulme, intenso e avvolgente per Valentino e Louis Vuitton.


Il bianco, ritorna nella sua veste più concettuale e austera: completi e accessori geometrici ma estremamente femminili grazie a tagli couture, vengono affiancati a abiti di pizzo e tulle, per dame oltre il tempo. Volumi orientali per The Row; minimale in Balenciaga; maliziosamente austera per Rochas.


Da qui basta poco per passare alla chemisier: abito ispirato alle camicie da notte, solitamente di cotone bianco e con abbottonatura centrale. Qui gli stilisti hanno voluto reinventarsela, partendo dalle sue origini: abbiamo la tunica di Lanvin e quella destrutturata di Céline, il modello maschile di Valentino,  sino ai tagli orientali con tanto di collo alla coreana, The Row e Hermès. Non mancano però le texture contemporanee: l’abito camicia di denim di Current Elliot e quello stampa Hawaii di Equipment.

3 commenti:

  1. Il primo e l'ultimo splendidi. Invece sui pantaloni a zampa ho delle riserve così come sul secondo look. Per il resto che dire? La mia prof. di Storia della Moda all'università lo diceva sempre, "Non c'è più niente da inventare ogni anno ripropongono capi di mode passate adattandoli ai colori ed i materiali odierni". Come darle torto? :)

    RispondiElimina
  2. quei pantaloni in camoscio di Emilio Pucci fanno impazzire tutti....
    http://www.theitalianglam.com/

    RispondiElimina
  3. Wow!! mi piace tutto tantissimo! buona domenica cara!
    Valentina
    fashionneed09.blogspot.it

    RispondiElimina